I nanotubi di carbonio che rendono potabile l’acqua di mare separandola dal sale



Rendere potabile l’acqua del mare, un sogno accarezzato da molti laboratori di ricerca che sperano di risolvere il problema della crisi globale dell’acqua. L’ultima novità arriva dagli Stati Uniti, dove dei sottilissimi nanotubi di carbonio sono in grado diseparare il sale dall’acqua.

Gli scienziati del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL), in collaborazione con ricercatori della Northeastern University hanno sviluppato nanotubi di carbonio così sottili da filtrare il sale dall’acqua del mare.

I nanotubi, strutture cave di atomi di carbonio, sono 50.000 volte più sottili di un capello umano. Il loro diametro è 0,8 nm. Inoltre, essi sono caratterizzati da una superficie molto lisce. Ciò facilità la loro permeabilità, mentre la piccola porosità blocca gli ioni salati più grandi.

Le crescenti esigenze di acqua dolce rappresentano una minaccia globale per lo sviluppo sostenibile. Le tecnologie correnti di depurazione dell’acqua possono beneficiare dello sviluppo di membrane dotate di pori, che imitano le proteine, altamente efficienti e in grado di filtrare l’acqua.

Le simulazioni al computer e gli studi sperimentali sul trasporto dell’acqua attraverso i nanotubi di carbonio con diametro superiori a 1 nm hanno mostrato una maggiore flusso di acqua ma non sono paragonabili all’efficienza di trasporto delle proteine e non sono stati in grado di separare in modo efficace il sale. L’innovazione fondamentale ottenuta dal team del LLNL è stata quella di utilizzare nanotubi di diametro inferiore a 1nm che hanno migliorato di gran lunga le prestazioni rispetto alle soluzioni precedenti.

“Abbiamo riscontrato che i nanotubi di carbonio con diametri inferiori a un nanometro hanno una caratteristica strutturale chiave che consente un miglioramento del trasporto. Lo stretto canale idrofobico costringe l’acqua a muoversi in una sola direzione, un fenomeno simile a quello trovato nei più efficienti trasportatori di acqua biologica” ha spiegato Ramya Tunuguntla, ricercatore del LLNL e coautore della ricerca.

Questi studi hanno rivelato i dettagli del meccanismo di trasporto dell’acqua e hanno mostrato che la manipolazione razionale di questi parametri può migliorare l’efficienza dei pori.

La novità dei nuovi nanotubi sta dunque nella loro ridottissima dimensione, nelle superfici lisce e nella capacità di imitare le cellule nel filtrare l’acqua.

La capacità di dissalare l’acqua in modo più efficiente è considerata chiave per affrontare l’attuale crisi idrica. I nanotubi offriranno davvero una possibilità concreta?

Sorgente: I nanotubi di carbonio che rendono potabile l’acqua di mare separandola dal sale (VIDEO) – greenMe

Distinguere malinconia e melanconia



Un bellissimo articolo sulla differenza tra malinconia e melanconia:

Malinconia e melanconia

Essere malinconici può essere negativo quando ci chiudiamo in noi stesse, nei nostri sogni e nel “nostro mondo”, quando al posto di vivere il nostro quotidiano, rimaniamo isolate a sognare a occhi aperti e ci soffermiamo su ciò che non abbiamo piuttosto che su ciò che possediamo. Alla lunga essere tristi sognatrici potrebbe portarci a vivere stati depressivi poco utili e soprattutto negativi per noi stesse, ma in verità può essere anche uno stato utile se ben utilizzato per investire su noi stesse e essere più serene, vediamo come.

Essere melanconici ci può portare ad avere più capacità riflessive e immaginative rispetto agli altri, chi ha provato questo stato d’animo ama vivere le emozioni e di conseguenza non ne ha paura. Ricerca dentro se stesso situazioni di benessere ad occhi aperti, sogna l’amore e si immagina di viverlo: tutto questo dalla fantasia deve piano piano diventare realtà. Bisogna uscire dal proprio guscio e far sbocciare la creatività, per essere protagonisti della propria vita e evitare di esserne solamente delle comparse.

Come superarla?

Superare la malinconia significa aprire lo sguardo dentro se stessi e vivere il mondo reale e non più solo quello immaginario, ci porta ad avere una maggior conoscenza di noi stessi senza cadere nella depressione, nella nostalgia e nella tristezza.
Essere malinconici può diventare un punto di forza se vogliamo imparare a investire le nostre capacità mentali nel day by day, di seguito alcuni punti da seguire:

1. riflettere attentamente sul nostro stato di malinconia per comprendere chi o cosa ci porta ad essere così,
2. segnare su un foglio o ancor meglio su un diario i propri pensieri e le emozioni che si provano quando ci si sente malinconici,
3. sempre sul diario scriversi ciò che si vorrebbe vedere realizzato, ovvero il motivo per cui siamo in questo stato d’animo,
4. tirare fuori tutta la vostra creatività attraverso la scrittura, la danza, l’arte o lo sport,
5. vivere la propria vita e se non ci piace provare a migliorarla partendo dalle piccole cose come l’ordine in casa, le uscite con gli amici o la ricerca di nuovi hobby o interessi.

Gli stati di malinconia ci portano all’isolamento e alla chiusura, dobbiamo essere capaci di riflettere su noi stessi e uscire allo scoperto. Forza e coraggio!

 

Sorgente: Distinguere malinconia e melanconia – La psicologa Elena Montorsi ci spiega come superare la malinconia – alfemminile

Curriculum Vitae



[pdf-embedder url=”https://imakoko.altervista.org/wp-content/uploads/2017/08/CV_EU_M.Z.01.09.17.pdf”]


Clicca qua per scaricare il file


[pdf-embedder url=”https://imakoko.altervista.org/wp-content/uploads/2017/08/Lettera-di-Presentazione-2017.pdf” title=”Lettera di Presentazione 2017″]


Clicca per scaricare il file

Emile leray si salvo dalla morte nel deserto ricavando una motocicletta da una citroen 2cv



http://www.vanillamagazine.it/emile-leray-si-salvo-dalla-morte-nel-deserto-ricavando-una-motocicletta-da-una-citroen-2cv/

 


 

Protect Your Data: 7 Ways to Improve Your Security Posture



Scarica l’e-Book gratuito
Illustra ai dipendenti l’importanza della sicurezza dei dati e come implementare le procedure consigliate.

Viviamo in un mondo in cui i dati vengono archiviati e utilizzati da qualsiasi postazione. L’Enterprise Mobility, un incredibile numero di device personali e il cloud hanno trasformato il modo di operare delle aziende e le strategie adottate per garantire la sicurezza.

In questo e-Book vengono illustrate sette aree a cui le aziende devono prestare attenzione per aumentare la protezione dei dati e ridurre il rischio di minacce informatiche. Queste includono la formazione dei dipendenti e le procedure consigliate per il luogo di lavoro, che contribuiscono a migliorare lo stato della sicurezza complessiva.
Scarica l’e-Book gratuito per scoprire come:

Ridurre le minacce grazie alla gestione delle identità e degli accessi
Utilizzare l’accesso condizionale all’interno di un’azienda di grandi dimensioni
Ridurre l’esposizione al malware
Gestire app e device mobili
Evitare la perdita di dati
Consentire una collaborazione sicura

 

Sorgente: Protect Your Data: 7 Ways to Improve Your Security Posture

Portfolio

Ho iniziato  a scrivere siti agli albori del WWW, i primi scritti tutti in codice html, siti poveri di contenuti media.

Sono usciti poi dei bellissimi strumenti, prima Dreamweaver  e FrontPage, ma con Joomla e WordPress si è fatto un bel salto di qualità. Entrambi simili la mia scelta è stata su WordPress solo per caso, l’associazione in cui collaboro aveva bisogno di realizzare dei siti in WordPress, da li mi sono specializzato con questa piattaforma software di “personal publishing” e content management system (CMS)


2018

 


2017

www.cintamaniyoga.com

www.ilmondodelserramento.it

bricoericiclo.altervista.org

www.svapomodder.it

2016

www.davincimods.com

www.operedili.org

www.lextranslators.com

imakoko.altervista.org

www.imakoko.it

2015

www.architetticrugnola.com

http://www.sarvarese.com/

reikiusui.altervista.org

2014

www.manicomuni.it

meteovalcuvia.altervista.org

www.scvvaresepiu.it

2013

http://www.marcolagattolla.it/

www.kmaitalia.it

2012 e precedenti

www.nipponkempo.it

iz2bql.altervista.org


www.lombardalinoleum.it