3. Costruisci la tua presenza online

PLAYLIST DELLA LEZIONE


1. Scegliere la tua presenza online

Hai già sentito l’espressione “Non hai una seconda occasione per fare una buona prima impressione”?

Vale anche per la tua presenza online.

Questa lezione ti insegnerà a progettare il tuo sito web evitando errori comuni che potrebbero scoraggiare i visitatori.

Ti spiegheremo come velocizzare il caricamento delle pagine e come rendere il sito più funzionale per i dispositivi mobili e ti forniremo indicazioni sull’accessibilità generale e sulla qualità dei contenuti.

Ma cominciamo dalla velocità. Gli utenti di Internet non sono certo famosi per la pazienza e, se le tue pagine si caricano lentamente, se ne andranno.

Ci sono tante soluzioni che tu o chi si occupa della realizzazione del sito potete adottare per migliorare la velocità, come scegliere le tecnologie e i servizi di hosting giusti.

Ma esistono anche alcuni piccoli accorgimenti.

Se le tue pagine prevedono immagini, usa le dimensioni più piccole a disposizione. Evita file enormi ad alta risoluzione, se poi li utilizzerai solo come miniature. Esistono molti software in grado di ridimensionare o comprimere le immagini per rimpicciolirle, il che si traduce in tempi di caricamento più veloci.

Semplifica la grafica. In generale, più limiterai ciò che il browser dei visitatori deve scaricare e riutilizzare, più aumenterà la velocità di caricamento delle pagine.

Utilizza la stessa immagine di sfondo su più pagine e chiedi al programmatore del tuo sito di usare codici e script in maniera efficiente.

Se desideri testare le prestazioni del sito, prova ad aprirlo da un dispositivo mobile, utilizzando una connessione dati e non il Wi-Fi, e osservane il funzionamento.

Quindi assicurati che il sito sia semplice da utilizzare dai dispositivi mobili. Sempre più persone utilizzano lo smartphone come dispositivo principale per navigare in Internet e se il tuo sito è difficile da visualizzare su questi dispositivi, perderai potenziali clienti.

Il modo più semplice per ottenere un sito ottimizzato per i dispositivi mobili è realizzarlo così sin dall’inizio, adoperando, ad esempio, tecniche di “responsive design” in grado di rilevare automaticamente il tipo di schermo impiegato e visualizzare il sito di conseguenza, con testo e foto in verticale su uno smartphone tenuto in posizione verticale.

Se vuoi verificare quanto il tuo sito sia ottimizzato per la visualizzazione su dispositivi mobili, fai il test di compatibilità con dispositivi mobili di Google.

Valuta elementi come i gesti di sfioramento e tocco rapido, tipici dei touchscreen. Assicurati che i componenti del tuo sito web rispondano correttamente a questo tipo di sollecitazioni.

Icone di uso comune e contenuti chiari e ben organizzati aiuteranno i visitatori che adoperano schermi più piccoli a trovare ciò che cercano.

Il passo successivo è far sì che il tuo indirizzo e il tuo numero di telefono siano facili da trovare. Molti dispositivi sono dotati di GPS e mappatura, utili per i visitatori in mobilità. E, naturalmente, se un visitatore accede al tuo sito da un dispositivo mobile, deve poterti chiamare facilmente.

Ricorda anche che le persone visualizzeranno il tuo sito da browser diversi, come Chrome o Firefox, e da piattaforme diverse, come Windows e Mac.

Esegui test da quanti più computer, dispositivi e browser è possibile. Il sito si presenta bene in ogni circostanza? Ti viene richiesto di scaricare plug-in? Questo è un altro elemento che potrebbe scoraggiare i visitatori.

Infine, ricorda che il tuo sito web non serve soltanto a vendere, ma anche a risolvere problemi.

Immagina di essere un visitatore e chiediti: perché mi trovo qui? Cosa sto cercando di fare? Quale problema devo risolvere?

Per esempio, se hai una pasticceria che realizza torte su richiesta, qualcuno visiterà il tuo sito perché ha bisogno di una torta.

Potresti inserire delle pagine sul tuo stile di decorazione e sulle tue idee, ma una testimonianza e alcune foto di clienti in carne e ossa potrebbero essere ancora più efficaci.

Abbiamo dunque esaminato alcuni errori comuni a molti siti web. Per evitarli, assicurati che le pagine si carichino velocemente e che il sito sia ben visualizzato e facile da usare da qualsiasi dispositivo e browser.

E quando crei dei contenuti, pensa ai tuoi clienti: se rispondi alle loro esigenze, avrai ottime chance di conquistarli.


2. Come funzionano i siti web

Benvenuto alla nostra lezione sul funzionamento dei siti web. Passeremo in rassegna le nozioni di base – senza troppi tecnicismi, promesso! – riguardanti server web e nomi di dominio, vedremo a cosa servono e scopriremo come trovare ciò di cui hai bisogno per iniziare.

Un sito web è la sede della tua attività su Internet, il luogo in cui potenziali clienti vengono a farti visita per saper cosa fai e cosa offri.

Poniamo che tu decida di aprire una pasticceria. Per prima cosa dovrai affittare gli spazi, giusto? Per un sito web è lo stesso, solo che gli spazi da affittare non si trovano per strada, ma su un server.

Esistono molti servizi di questo tipo, che si occupano di tutti gli aspetti tecnici, ma ti proponiamo comunque una breve panoramica, in modo da darti un’idea di ciò che accade “dietro le quinte”. Ora ti forniremo alcune nozioni tecniche: sei pronto a seguirci?
Un server è un computer collegato a Internet, dotato di software che gli consentono di archiviare o “ospitare” (in inglese, “host”) tutte le parti che compongono il tuo sito web, come codici, immagini, video clip e qualsiasi altro dato.
Si chiama “server” perché “serve” e “mette a disposizione”, i contenuti richiesti, per esempio quando qualcuno desidera visualizzare una pagina del tuo sito.
Esistono molte società che offrono servizi di hosting per siti web. Proprio come per un negozio fisico, dovrai pagare un canone di hosting, che equivale al pagamento di un affitto: la società si occuperà di tutti gli aspetti tecnici della gestione del server, così non dovrai farlo tu.
Ogni server ha il suo indirizzo, detto indirizzo IP, dall’inglese “Internet Protocol”, che significa protocollo Internet. Ti basta sapere che si tratta di una lunga sequenza di numeri, grazie a cui qualsiasi dispositivo che si connette a Internet può comunicare con il server e trovarlo.
Per fortuna non è necessario capire cosa si dicono: devi solo scegliere un nome più allettante di una sequenza di numeri, che andrà a connotare il tuo indirizzo IP. Eccoci dunque arrivati alla seconda parte della lezione: quella sull’indirizzo web o “nome di dominio”.
Il nome di dominio è il mezzo che consente ai tuoi clienti di trovarti, esattamente come l’insegna della nostra pasticceria nel mondo reale.
È ciò che digiti nella finestra del browser per trovare un sito web. Per esempio, www.google.it o www.ilnomedellatuaattività.com. Soffermiamoci un momento per esaminarlo meglio.
Il nome di dominio è tutto ciò che viene dopo “WWW punto”. È la parte che consente alle persone di trovare il tuo sito, quindi è piuttosto importante, giusto?
Qualsiasi dispositivo, che sia un tablet, uno smartphone o un laptop, che cerchi un determinato indirizzo, comunica con il server. Il server invia al dispositivo tutti i componenti necessari per visualizzare il sito, per esempio immagini e codici, in modo che la persona che sta effettuando la ricerca possa accedere ai contenuti della pagina desiderata.
Quando qualcuno digita il tuo indirizzo web nel browser, ecco cosa accade.

Per prima cosa il browser individua il server che ospita i contenuti desiderati e si mette in comunicazione con esso.

Il browser si presenta e chiede al server: “Scusami, potresti darmi tutti gli elementi per consentire alla persona di visualizzare questa pagina web?”

Il server risponde: “Ma certo! Ti sto inviando 5 immagini, 2 script e qualche altro file”.

Il browser mette insieme tutti i pezzi e chi ha effettuato la ricerca visualizzerà la tua pagina web ben formattata.

Questo è tutto, a parte il fatto che server e browser comunicano in una lingua strana fatta di combinazioni di bit e byte e non in italiano. Ma a noi non importa più di tanto, giusto?

Ricapitolando: per cominciare a costruire il tuo sito web è importante capirne il funzionamento di base. Il server “ospita” il tuo sito, mentre il nome di dominio aiuta le persone a trovarlo.


3. Gli elementi chiave dei siti web

In questa lezione passeremo in rassegna alcune delle decisioni che dovrai prendere prima di iniziare a creare il tuo sito web, come scegliere il nome di dominio e pianificare la struttura del sito. Il tuo obiettivo è far sì che i clienti si muovano agilmente nel sito e trovino ciò che cercano. Perché, se i clienti sono contenti, l’attività non può che giovarne.

Iniziamo allora!

Per prima cosa, devi decidere il nome di dominio, ovvero ciò che si digita nel browser per trovare un sito.

Per scegliere il tuo nome di dominio, verifica innanzitutto se quello che vorresti utilizzare è disponibile. Sul web può esistere un solo “PasticceriaGustosa.com”, per fare un esempio, e se qualcuno si è già assicurato questo nome, non potrai utilizzarlo.
Come si fa quindi a sapere se il nome prescelto è disponibile o meno? Basta cercare “registrar di domini” e fare clic su uno dei risultati. Questi siti offrono in genere uno strumento che consente di verificare se qualcuno sta già utilizzando il nome che ti piace e, in tal caso, ti suggeriscono nomi alternativi simili.

Un buon nome di dominio deve essere facile da ricordare, quindi trovane uno che sia breve, pertinente e significativo.

Puoi anche scegliere una variante del nome che desideri selezionando un’estensione diversa, cioè la parte finale, dopo il punto. Probabilmente conosci già le estensioni “.com” or “.it”, ma potresti trovarne altre, che sono disponibili o che si adattano meglio alle tue esigenze. Per esempio, le organizzazioni no profit utilizzano spesso l’estensione “.org”.

Quindi, se anche “PasticceriaGustosa.com” fosse già in uso, “PasticceriaGustosa.net” potrebbe invece essere disponibile.
Bene, la questione del nome è risolta. Ora parliamo invece di altre sezioni standard dei siti web, come la “home page” o pagina iniziale. Si tratta della prima pagina che i visitatori visualizzano dopo aver digitato il tuo nome di dominio ed essere arrivati sul tuo sito.
La home page è la tua vetrina, il luogo dove inviti i tuoi clienti a entrare spiegando ciò che fai e cosa offri.
La pagina iniziale indirizza inoltre i visitatori ad altre pagine del sito, tramite ciò che definiamo “navigazione”. Le intestazioni di navigazione possono trovarsi in cima alla pagina oppure di lato. In ogni caso, si tratta di un menu che consente di navigare nel sito, da una sezione all’altra.

Il modo in cui deciderai di organizzare il tuo sito è molto importante. Comincia a pensare ai siti che visiti regolarmente: come sono organizzati?

Poi decidi quali tipi di contenuti desideri offrire e raggruppali secondo criteri logici.
A tal proposito, molti strumenti per la realizzazione di siti web mettono a disposizione template di siti, che potresti utilizzare come riferimento per cominciare.

Da dove è più facile iniziare? Dalle pagine e sezioni presenti nella maggior parte dei siti, come la pagina “Chi siamo” e quella “Contatti”.
La pagina dei contatti del tuo sito potrebbe includere indirizzo, numero di telefono, indirizzo email e una mappa con le indicazioni stradali.

Nella pagina Chi siamo potresti raccontare la storia della tua attività, includendo foto dei tuoi lavori più riusciti.
Non c’è un modo giusto o sbagliato per organizzare i contenuti di un sito, ma è fondamentale mettersi nei panni di chi lo visita. Cosa sta cercando? Cosa vuole ottenere dal sito?

Occorre organizzare le cose in modo che il visitatore trovi facilmente le informazioni che cerca, per esempio, nel caso di una pasticceria, l’orario di apertura, o riesca a svolgere agevolmente azioni importanti, come inviare un ordine online.
Vediamo nel dettaglio cosa verrà visualizzato sulle pagine.

Prima di tutto, ci saranno gli indicatori di navigazione, come le intestazioni Chi siamo e Contatti, che devono essere presenti su ogni pagina del sito, per consentire sempre alle persone di visitare la sezione desiderata o di tornare indietro.

Naturalmente ci saranno i testi, con titoli, paragrafi ed elenchi puntati, e poi, eventualmente, anche immagini e filmati.

Testi e immagini possono essere collegati ad altre pagine Internet tramite link ipertestuali, su cui è possibile fare clic per spostarsi all’interno del sito stesso o approdare in altri spazi web.
Molto siti web invitano i visitatori all’interazione, per esempio attraverso moduli per inviare domande, mappe con indicazioni stradali dettagliate per raggiungere il negozio o carrelli per acquistare i prodotti direttamente online.

Il tuo sito web è la tua vetrina virtuale e rappresenta un’eccellente opportunità per entrare in contatto con i clienti. Scegliere il giusto nome di dominio, organizzare il sito in modo logico e prevedere soluzioni agili e intelligenti aiuterà i tuoi visitatori a trovare esattamente ciò che cercano.


4. I siti web e i tuoi obiettivi di business

È arrivato il momento di trovare un compromesso tra le necessità dei tuoi visitatori e le tue esigenze professionali. Ora ti spiegheremo come progettare il tuo sito web mettendoti nei panni del cliente, senza però perdere di vista i tuoi obiettivi.

 

Bene, stai iniziando a progettare il tuo sito. Mentre lo fai, tieni sempre presenti i tuoi obiettivi, ma considera anche ciò che cercano i visitatori. Conciliare ciò che tu desideri che i visitatori facciano sul tuo sito e ciò che loro vogliono ottenere è il segreto del successo.

Facciamo un esempio. Pensa all’ultima volta che hai visitato un sito web in cerca di un numero di telefono, magari per chiamare un negozio e chiedere un’informazione o indicazioni stradali. Hai trovato il numero facilmente?

Se hai un’attività commerciale, fai in modo che il tuo numero di telefono sia ben visibile, magari anche evidenziandolo, su ogni pagina del sito. E potresti anche aggiungere del testo di carattere promozionale, come “Chiama subito”. Inoltre, rendi la pagina dei Contatti facile da trovare, nel caso il cliente cerchi proprio quella.

Ti suggeriamo anche di inserire l’opzione di chiamata con un solo clic per i visitatori che visualizzano il sito da dispositivi mobili.

Torniamo alla nostra pasticceria locale e poniamo il caso che tu voglia incentivare le visite da parte degli abitanti del posto. I tuoi clienti desiderano invece sapere come trovarti quando hanno voglia di qualcosa di dolce. Inserire una mappa sul sito, con le relative indicazioni su come raggiungerti, renderà felici sia te che loro.

Quali altri cose potrebbero cercare i visitatori del tuo sito? Forse i prezzi? Oppure delle offerte speciali? O ancora dei certificati che attestino le tue qualifiche?

Se renderai queste informazioni facilmente accessibili, concilierai i tuoi obiettivi commerciali con le esigenze dei tuoi clienti.

E, se sei interessato a scoprire come misurare con dati analitici ciò che i visitatori fanno sul tuo sito, abbiamo la lezione che fa per te.

Ora parliamo dei contenuti, cioè dei testi presenti sulle pagine del tuo sito.

Le espressioni da usare devono essere molto di più di una presentazione di vendita. Nella maggior parte dei casi dovrai evitare il gergo tecnico e un tono troppo autocelebrativo.

Spiega invece come puoi rispondere alle esigenze dei tuoi clienti o risolvere un loro problema. I tuoi contenuti risulteranno sicuramente molto più interessanti e utili se, quando li elabori, pensi a ciò che puoi fare per aiutare i visitatori.

Usa poi un tono sicuro ma non aggressivo. A meno che il tuo pubblico non sia composto da astrofisici, parla con semplicità.

Magari racconta un aneddoto per ridurre la distanza dai tuoi visitatori. Le testimonianze o i video di clienti soddisfatti perché hai risolto loro un problema, o ancora la possibilità di scrivere recensioni sui tuoi prodotti o servizi direttamente sul sito, possono essere elementi di grande utilità.

Ricorda: ogni secondo conta. Le persone non rimarranno a lungo sul tuo sito e probabilmente passeranno in rassegna i testi molto velocemente, o non li leggeranno nemmeno. Ma immagini, titoli e una navigazione chiara possono aiutare i visitatori a trovare esattamente ciò che cercano prima di abbandonare il sito.

Progetta e realizza il tuo sito web avendo chiari in mente i tuoi obiettivi di business e le esigenze dei tuoi potenziali clienti, per aumentare le tue probabilità di successo.


5. Rendere il tuo sito web facile da utilizzare

Benvenuto alla nostra lezione sulla cosiddetta “usabilità” dei siti web, che, in gergo digitale, significa rendere semplice per i visitatori trovare ciò che cercano e ottenere ciò che vogliono. Esamineremo i metodi più efficaci per migliorare l’usabilità: da come assicurare una navigazione chiara e semplice all’importanza di un layout coerente. Capiremo anche come scrivere i contenuti in modo che il sito risulti più efficace.

Ti piace il programma?

Per prima cosa, diamo uno sguardo alla navigazione, cioè a tutti gli elementi che guidano i visitatori all’interno del tuo sito.

Per assicurare una buona navigazione, devi organizzare il sito in modo che abbia senso per i tuoi visitatori.

Se hai, ad esempio, una pasticceria, pensa a come raggruppi i tuoi prodotti: quelli più grandi, come le torte, saranno insieme in una determinata zona del negozio, mentre i dolci monoporzione, come le brioche o i cupcake, in un’altra.

Sul tuo sito puoi organizzarti nello stesso modo, facendo sì che il menu principale indichi ai visitatori cosa troveranno in ogni sezione.

Nonostante tutte queste precauzioni, alcuni visitatori potrebbero avere comunque difficoltà a navigare nel tuo sito. Ecco perché può essere utile includere una casella di ricerca, specialmente se il sito contiene molte pagine o molti prodotti. Colloca la casella di ricerca nello stesso posto su ogni pagina del sito, in modo che sia facile vederla: così, anche chi è di fretta potrà trovare rapidamente ciò che sta cercando.

Un’ultima cosa da tenere presente sulla navigazione: quando le persone visitano un qualunque sito web, si aspettano che funzioni in un certo modo.

Per esempio, stai navigando in un sito e vuoi tornare alla pagina iniziale: cosa fai? Fai clic sul logo.

Questo è ciò che ci si aspetta, e funziona così per la maggior parte dei siti: quindi assicurati che il tuo logo sia chiaramente visibile su ogni pagina e che sia possibile farci clic per tornare alla home page.

Ecco svelati i segreti della navigazione. Ora parliamo invece dello stile, di come il tuo sito si presenta e delle sensazioni che trasmette. Ognuno ha i suoi gusti, ma alcune regole valgono per tutti.

Prima di tutto, prendi in considerazione il layout di pagina: deve essere coerente in ogni parte del sito, con caratteri, immagini e altri elementi grafici tutti in linea tra di loro.

Per quanto riguarda il colore, potresti essere tentato di utilizzare tinte vivaci per attirare l’attenzione, ma online siamo abituati a leggere testi di colore scuro su sfondi chiari. Hai lavorato tanto per creare i tuoi contenuti: ora fai in modo che gli occhi dei tuoi visitatori non si stanchino leggendoli!

Devi anche tener presente dove sono collocati i tuoi contenuti sulla pagina: non costringere i visitatori a scorrere troppo in basso per trovare le informazioni importanti. Utilizza intestazioni ed elenchi puntati per aiutarli a passare in rassegna velocemente le pagine e decidere se proseguire nella navigazione.

Scrivi per il tuo pubblico. È una platea di tecnici? Allora il gergo settoriale va benissimo. In caso contrario, scrivi per le persone comuni.

Un altro consiglio? Invita i visitatori all’azione durante la visita del sito: in gergo si chiama “call to action” e può aiutarli a capire cosa fare.

Vuoi che ti contattino per telefono? “Chiama subito” è l’invito giusto. Speri che ti facciano visita personalmente? Indirizzali alla sezione “Come raggiungerci”. Oppure, con “Acquista ora” puoi invogliarli ad effettuare un acquisto.

Ricapitoliamo. Quando progetti il tuo sito web, fai il possibile perché sia facile da usare. Offri chiare indicazioni per passare da una pagina all’altra, mantieni coerenti gli elementi grafici, scrivi testi comprensibili per il tuo pubblico e regala ai visitatori l’esperienza che stavano cercando.


6. Design di un sito web: cosa fare e cosa non fare

Hai già sentito l’espressione “Non hai una seconda occasione per fare una buona prima impressione”?

Vale anche per la tua presenza online.

Questa lezione ti insegnerà a progettare il tuo sito web evitando errori comuni che potrebbero scoraggiare i visitatori.

Ti spiegheremo come velocizzare il caricamento delle pagine e come rendere il sito più funzionale per i dispositivi mobili e ti forniremo indicazioni sull’accessibilità generale e sulla qualità dei contenuti.

Ma cominciamo dalla velocità. Gli utenti di Internet non sono certo famosi per la pazienza e, se le tue pagine si caricano lentamente, se ne andranno.

Ci sono tante soluzioni che tu o chi si occupa della realizzazione del sito potete adottare per migliorare la velocità, come scegliere le tecnologie e i servizi di hosting giusti.

Ma esistono anche alcuni piccoli accorgimenti.

Se le tue pagine prevedono immagini, usa le dimensioni più piccole a disposizione. Evita file enormi ad alta risoluzione, se poi li utilizzerai solo come miniature. Esistono molti software in grado di ridimensionare o comprimere le immagini per rimpicciolirle, il che si traduce in tempi di caricamento più veloci.

Semplifica la grafica. In generale, più limiterai ciò che il browser dei visitatori deve scaricare e riutilizzare, più aumenterà la velocità di caricamento delle pagine.

Utilizza la stessa immagine di sfondo su più pagine e chiedi al programmatore del tuo sito di usare codici e script in maniera efficiente.

Se desideri testare le prestazioni del sito, prova ad aprirlo da un dispositivo mobile, utilizzando una connessione dati e non il Wi-Fi, e osservane il funzionamento.

Quindi assicurati che il sito sia semplice da utilizzare dai dispositivi mobili. Sempre più persone utilizzano lo smartphone come dispositivo principale per navigare in Internet e se il tuo sito è difficile da visualizzare su questi dispositivi, perderai potenziali clienti.

Il modo più semplice per ottenere un sito ottimizzato per i dispositivi mobili è realizzarlo così sin dall’inizio, adoperando, ad esempio, tecniche di “responsive design” in grado di rilevare automaticamente il tipo di schermo impiegato e visualizzare il sito di conseguenza, con testo e foto in verticale su uno smartphone tenuto in posizione verticale.

Se vuoi verificare quanto il tuo sito sia ottimizzato per la visualizzazione su dispositivi mobili, fai il test di compatibilità con dispositivi mobili di Google.

Valuta elementi come i gesti di sfioramento e tocco rapido, tipici dei touchscreen. Assicurati che i componenti del tuo sito web rispondano correttamente a questo tipo di sollecitazioni.

Icone di uso comune e contenuti chiari e ben organizzati aiuteranno i visitatori che adoperano schermi più piccoli a trovare ciò che cercano.

Il passo successivo è far sì che il tuo indirizzo e il tuo numero di telefono siano facili da trovare. Molti dispositivi sono dotati di GPS e mappatura, utili per i visitatori in mobilità. E, naturalmente, se un visitatore accede al tuo sito da un dispositivo mobile, deve poterti chiamare facilmente.

Ricorda anche che le persone visualizzeranno il tuo sito da browser diversi, come Chrome o Firefox, e da piattaforme diverse, come Windows e Mac.

Esegui test da quanti più computer, dispositivi e browser è possibile. Il sito si presenta bene in ogni circostanza? Ti viene richiesto di scaricare plug-in? Questo è un altro elemento che potrebbe scoraggiare i visitatori.

Infine, ricorda che il tuo sito web non serve soltanto a vendere, ma anche a risolvere problemi.

Immagina di essere un visitatore e chiediti: perché mi trovo qui? Cosa sto cercando di fare? Quale problema devo risolvere?

Per esempio, se hai una pasticceria che realizza torte su richiesta, qualcuno visiterà il tuo sito perché ha bisogno di una torta.

Potresti inserire delle pagine sul tuo stile di decorazione e sulle tue idee, ma una testimonianza e alcune foto di clienti in carne e ossa potrebbero essere ancora più efficaci.

Abbiamo dunque esaminato alcuni errori comuni a molti siti web. Per evitarli, assicurati che le pagine si carichino velocemente e che il sito sia ben visualizzato e facile da usare da qualsiasi dispositivo e browser.

E quando crei dei contenuti, pensa ai tuoi clienti: se rispondi alle loro esigenze, avrai ottime chance di conquistarli.


PLAYLIST DELLA LEZIONE


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *